Privacy Policy
Pages Navigation Menu

Indagini sul GAIA: Chi sono gli indagati

Dai quotidiani nazionali apprendiamo i nominativi e le rispettive imputazioni mosse dal pm Giuseppe Travaglini:

  • Roberto Scaglionee (ex presidente del cda), Livio Fantei (ex direttore generale), Pinuccio Colleo (ex direttore gestione servizi), Loreto Ruggeri (ex consigliere cda), Luigi Sposi (ex consigliere), Maurizio De Cinti (ex revisore dei conti e presidente del collegio dei sindaci), Alberto Ciaschi (ex sindaco del Consorzio) e Mattia Papaleo (ex sindaco) «si sarebbero appropriati di 8 milioni e 255 mila euro, il residuo di un mutuo di 33 milioni e 300 mila, erogato al Consorzio Gaia dalla Cassa Deposito e Prestiti nel 2002 per l’acquisto dell’impianto di termovalorizzazione Mobil Service». In concorso tra loro, dopo aver ottenuto finanziamenti della Cassa Depositi e Prestiti a Gaia con false fatturazioni e la duplicazione delle spese «avrebbero indotto in errore la stessa Cdp sulla reale e occulta destinazione delle somme erogate, legittimando la richiesta di nuove erogazioni, impedendo le procedure di recupero, procurandosi un profitto di circa 35 milioni di euro, con danno di pari importo per l’ente pubblico». In particolare si parla di un mutuo di 33 milioni e 450 mila euro erogato per il completamento di MobilService (il termovalorizzatore) stornato dai conti del MobilService alle casse del GAIA e di altre fatture che non avrebbero inerenza con l’oggetto del finanziamento o che non trovano affatto riscontro nei libri contabili. A questo va aggiunto un altro finanziamento di 31 milioni e 250 mila euro concesso per la costruzione di un impianto per lo smaltimento dei rifiuti per la realizzazione del ciclo integrato dei rifiuti solidi urbani che è tuttora inesistente.

    A ciò si aggiungono 450 mila euro come parte di un finanziamento concesso per un impianto di aspirazione e utilizzo di biogas e 413 mila euro per la costruzione della centrale elettrica di termovalorizzazione di E.P. Sistemi, che non trovano riscontro contabile.

  • Roberto Scaglione e superpippo (amministratore unico della stocazzo s.p.a.) avrebbero ottenuto dalla Regione un finanziamento di 12 milioni e 800 mila euro per l’accordo quadro del 2005 tra il Gaia e la Fiuggi Terme, ma ne avrebbero utilizzato solo una parte appropriandosi dei rimanenti 9 milioni e 100 mila euro.
  • Domenico Frasca (consulente contabile di Consorzio Gaia) «per aver redatto una falsa perizia la quale apportava rivalutazioni alle poste patrimoniali sovrastimate al fine di compensare il risultato negativo della gestione» mentre era esperto designato dal presidente del Tribunale di Velletri per la redazione della perizia di stima del patrimonio aziendale di Gaia. A Scaglione, inoltre, viene contestato di aver versato, o promesso di versare, 1 milione e 100 mila euro a Frasca come parcella per prestazioni professionali al fine di indurre Frasca al compimento di atti contrari al suo dovere di pubblico ufficiale.
  • A tutti i 24 indagati, tra cui figurano Maurizio Bondatti (ex consigliere cda), Guido Citarelli (ex sindaco), Renato Gavasci (ex componente cda), Oreste Gentili (ex consigliere Cda), Massimo Guerra (ex consigliere cda), Vincenzo Naso (ex consigliere cda), Giovanni Pascone (ex sindaco), Andrea Pizziconi (ex sindaco), Enzo Retrosi (ex sindaco), Giampietro Rinaldi (ex consigliere cda), Vincenzo Rossetti (ex presidente cda), Giuseppe Torti (ex presidente cda), Luca Tummolo (ex sindaco) e Luigi Visconti (ex amministratore delegato) la Procura di Velletri contesta «di aver agito in concorso tra loro e in tempi diversi per determinare l’applicazione dell’amministrazione straordinaria del Consorzio Gaia distraendo oltre alle somme indicate in precedenza la somma di 5 milioni di euro per un preliminare d’acquisto d’immobili; 1 milione e mezzo come caparra per l’acquisto della sede del Consorzio e 750 mila euro per l’acquisto di Fema Sud».

Un grazie a questi signori: è soprattutto per colpa loro che ci ritroviamo con questi importi stratosferici per un servizio appena sufficienti. Grazie.

Non ci resta che sperare nella fermezza della Giustizia.

Per Approfondire

Articolo sul Il Tempo

  • guido pangrazzi

    Sarebbe curioso sapere lo stipendio di questi Signori.
    Sarebbe curioso conoscere lo stipendio dei manager pubblici in generale, anche senza attendere la Bancarotta.
    Sarebbe curioso conoscere i compensi dei consiglieri di Amministrazione delle Aziende comunali e dei Direttori nel Comune di Artena.

    Per il compenso del Sindaco e degli Assessori basta guardare la normativa su internet, dipende dalla grandezza del Comune, da noi abbiamo:

    3.253,68 Per il sindaco. 50% se lavora
    1.464,16 per gli assessori. 50% se lavorano

    Compensi che se confrontati con quelli di Roberto Scaglione sono veramente miseri.

  • Si ma qui non parliamo di stipendi: qui parliamo di milioni di euro che sono una larga fetta del debito del GAIA che grava anche sulle nostre tasche che questi simpatici signori si sono messi in tasca finora impunemente.

    Certo, il dato da te riportato è interessante, ma oltre allo stipendio, questi signori si sono pappati i soldi dei cittadini!

    Che vergogna.

  • guido pangrazzi

    Caro jozmile, ho dimenticato di ringraziarti degli articoli, veramente utili.

    La situazione è veramente vergognosa.

    Ho sentito dire, non so se è vero, che i compensi del Sig. Scaglione si avvicinavano al milione.
    Ripeto non so se è vero, ma anche in presenza di una persona onesta e capace (purtroppo sembra non sia questo il caso), ritengo che questi importi siano troppo elevati. E non credo alla giustificazione “… questo è il mercato…”.

    Ciao

  • Io penso che una persona onesta invece debba riconoscere quando riceve un compenso adeguato ad una mansione: uno stipendio di circa un milione di euro dovrebbe essere sufficiente per un manager per una spa come il GAIA. Il fatto che abbiano voluto mettere in piedi questo teatrino, con la consapevolezza del rischio che stavano correndo, sta solo a significare che l’onestà non era tra le qualità di queste persone.

    Naturalmente stiamo ancora nel campo delle suppposizioni, un avviso di garanzia non è una condanna. Qualcuno però questi milioni di euro li ha fatti sparire.

  • guido pangrazzi

    Caro jozmile concordiamo su tutto tranne su un punto.
    Per te “un milione di euro dovrebbe essere sufficiente per un manager per una spa come il GAIA”

    per me è decisamente troppo.

    ciao

  • Non lo so se è troppo. So che comunque, in teoria, un dirigente manageriale dovrebbe poter guadagnare abbastanza per ripagarlo dell’impegno, delle competenze, della carriera, degli sforzi, dei rischi e delle responsabilità che un azienda di una certa dimensione (come può essere il GAIA) comporta. Certo, nello specifico non so se sia una retribuzione corretta, ma non mi farebbe granchè scandalo.

    Scandalo mi fa piuttosto il fatto che si è intascato (pare) tutta quella moneta. Era questo il significato del “dovrebbe essere sufficiente”.

  • guido pangrazzi

    Scusatemi ragazzi, sono mancato qualche giorno, pensavo che qualche commento sul milione di euro ci potesse essere.

    A proposito non si conosce ovviamente il compenso del nuovo Amministratore di Gaia, del resto sono soldi nostri, perchè saperlo.

  • Luciano

    Veramente vergognoso, lo stile con cui il disegno criminoso è stato messo in piedi, facendo gravare sulle nostre tasche i debiti di una società, il Gaia, che poteva essere il fiore all’occhiello per la situazione italiana dello smaltimento rifiuti, assediata da vicissitudini oramai a tutti note.
    Invece no l’avidità ha coinvolto anche questi signori, che senza scrupoli hanno ritenuto fondamentale solo la soddisfazione degli interessi propri.
    Sono sicuro che il principio di indulgenza accompafnerà anche le loro pene.

  • Guido Pangrazzi

    Caro Luciano cadranno sicuramente in prescrizione, spero ovviamente di essere smentito.
    Anche per quei signori, una cosa è essere prosciolti una cosa è beneficiare della prescrizione.

  • Luciano

    Speriamo di no, caro Guido.
    Ma chi erano gli amministratori del consorzio?
    Chi sa qualcosa degli amministratori, dei direttori, dei sindaci?

  • grilliartena.it

    adolfo mele : come e’ andata a FINIRE ????????

  • birba& lupin

    Ma chi è stato il grande genio del comune di Artena a vendersi a gaia per un po’di posti di lavoro a discapito della collettività artenese????

  • Maria

    Per commento 12
    Il genio è stato sicuramente qualcuno che in consiglio comunale(per chi assiste capisce) non sa che dire, parla anvanvera e se se sta zitto è meglio.

  • birba&lupin

    Però lo votano nonostante i danni! Se ci aggiungi tutto il dramma della questione COSEV di cui tanto si è parlato in questo blog,e la transazione con la società ARTEL per l’appalto della riscossione dei tributi, per non parlare dello spreco di denaro pubblico che impiega per sagre e festival delle zampogne arriviamo al culmine della follia!Hai Ragione Maria e ancora parla in consiglio comunale….. come se in 15 anni il sindaco fosse stato qualcun altro. Ora ha vicino un degno “compare” che gli fa spalla niente di meno che! Felicetto Angelini, l’uomo che parla ai cavalli!

  • Paquale

    Vorrei dare, per quanto possa fare testo, anch’io la mia testimonianza sull’argomento, portandovi alla memoria il caso del povero Enzo Tortora, ebbene è rimasto tutto uguale come allora se non addirittura peggiorato, quello che vi dico non servirà certo a nulla perchè quando una persona qualunque, dal manager al lavapiatti di un ristorante, ha la sfortuna di cadere in una situazione del genere, diventa una preda inerme senza alcuna possibilità di difesa in mezzo ad un branco di lupi accecati, quando poi arriverà il giorno delle verità, non cambierà assolutamente nulla, perchè qualche quotidiano magari di minore importanza pubblicherà un piccolo trafilo nell’angolo più remoto di una pagina di fondo in cui verrà dichiarata la estraneità e l’innocenza di quelle persone, resta il solo fatto che sia in questo momento quanto in quello che verrà sarai segnato comunque a vita come quella donna alla quale fù lanciata la calunnia di essere una prostituta, dimostrato che poi non lo era puoi andare in chiesa tutte le domeniche che comunque sempre una prostituta rimarrai, meditate gente, meditate…………

  • elhombrito

    @pasquale:le tue affermazioni sono molto interessanti, perchè nonl e approfondisci? magari poi ne esce un articolo

  • elhombrito

    superpippo (amministratore unico della stocazzo s.p.a.) hanno sostituito nome cognome e intestazione della società reali, in quanto siamo stati gentilmente invitati dall’avvocato di superpippo che cito:
    In data 8 novembre 2010 il Tribunale di Velletri – Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari, esaminata la richiesta di archiviazione formulata dal Pubblico Ministero, con decreto depositato in Cancelleria in data 9 novembre 2010, ha disposto l’archiviazione del procedimento penale n.xxxx/2007 incardinato a carico del mio assistito.
    Tuttavia sul sito da Voi gestito, all’indirizzo http://artenaonline.it/tag/xxxxx-xx-xxxx/ è presente un commento di evidente natura diffamatoria nei confronti del mio assistito; per tale ragione vi invito, con decorrenza immediata e ad ogni effetto di legge, a rimuovere dal citato sito internet qualsiasi riferimento al mio assistito.
    Con riserva di adire l’Autorità giudiziaria competente e il Garante per la protezione dei dati personali nell’ipotesi di inosservanza dell’invito rivoltovi.
    Roma, 25 novembre 2011
    Distinti saluti.

  • Love

    Nooooooooooooooooooooo

  • Pasquale

    Salve, vi ricordate di me? mi ero fatto vivo il 5 febbraio del 2011 sostenendo già all’epoca l’innocenza del superpippo come lo chiamate voi e mi ero permesso di suggerirvi di meditare, ecco adesso però meditate più profondamente perchè io sono del parere che prima di aprire la bocca lasciando fuoriuscire affermazioni senza fondatezza oltre a dare conferma della propria meschinità, si rischia di dire cose non corrispondenti al vero e magari può anche accadere che in alcuni casi si deve poi rispondere di quanto affermato, per cui adesso è giunto veramente il tempo di meditare e se magari nel vostro cuore alberga ancora un sentimento che si chiama coscenza, dategli una spolveratina, meditate gente meditate…………….

  • @Pasquale: se vuole può contattarci al’indirizzo info@artenaonline.it inviando la dichiarazione ufficiale del signor superpippo riguardo la questione in merito.
    Sottolineo che già allora ero contrario a rimuovere il nome dall’articolo e che nell’articolo non si giudica nessuno, ma si riporta la notizia di una indagine in corso e di accuse formulate da un pubblico ministero, quindi questo post non è di natura diffamatoria, a meno che è falsa la notizia dell’indagine in corso.
    Sottolineo anche che allora, la nostra richiesta di fornire un comunicato dall’interessato è caduta nel vuoto.
    Nulla vieta a lei o al signor superpippo di fornire ancora oggi un comunicato ufficiale all’indirizzo email info@artenaonline.it .
    Riguardo l’argomento in genere, l’unica traccia trovata dal sottoscritto si riferisce alla seguente sentenza:

    http://www.respamm.it/giurisprudenza/viewdec_s.php?id=%2C%FD%9D%86j~%C6%D8%8B%96%07%C1%A2!Q%9E%C38%90%C5%95%DC%DF%1F.2f-f%F6o%F8&or=5

  • vic

    Siete pregati di aggiornare le informazioni alla luce degli sviluppi della vicenda. Così come dovrebbe fare un giornale serio.

  • jozmile

    @vic questo non è un giornale serio. La redazione comunque si prenderà l’impegno di pubblicare un aggiornamento sulla situazione. Se vuoi collaborare, puoi mandare materiale o contattarci all’indirizzo info@artenaonline.it

  • Pedro Ronquillo Duarte

    perchè a Pinuccio Colleo e agli altri non sono stati pignorati beni immobili e assegni pensionistici?