Privacy Policy
Pages Navigation Menu

Seconda rassegna corale Artenese

Pubblichiamo di seguito il comunicato ricevuto dall’ Associazione Teofilo De Angelis.

L’ Associazione culturale Teofilo De Angelis ha indetto un Concorso a premi (1° Premio “Teofilo De Angelis) per il miglior tema e miglior disegno, riservato ai bambini della Scuola elementare “A.De Gasperi” di Artena, che proprio in questi giorni stanno lavorando sui temi proposti.
Questo concorso è nato da un progetto dell’Asociazione Musicale per stimolare la creatività dei bambini sull’argomento della Musica. Pertanto, abbiamo somministrato quattro titoli – due per il tema e due per il disegno – chiedendo loro di liberare ogni fantasia sull’argomento.
I titoli scelti sono :

Tema Scelta 1: Se dando una sbirciata alla soffitta di mio nonno trovassi una vecchia tromba, quale ricordo e quale sensazione vivrei. Racconta una situazione, anche immaginaria, determinata dall’inaspettato ritrovamento di uno strumento musicale.

Tema Scelta 2: Ipnotizzato dalla meraviglia delle note e il timbro di una voce magica e toccante, racconta le tue sensazioni quando ascolti un brano che a te piace in particolar modo.

Disegno Scelta 1: “L’arte della musica è un’arma più forte di qualsiasi bomba”. Interpreta con un disegno, con tecnica a piacere, quest’affermazione. Spiega con poche righe l’interpretazione della composizione.

Disegno Scelta 2: La musica nella tua città come la vedi tu e come la vorresti: interpreta con un disegno, con tecnica a piacere.

 
La premiazione avverrà domenica 13/5/2012 nell’ambito della Rassegna e tutti gli elaborati saranno esposti all’ ex-Granaio Borghese dalle ore 15.00 alle ore 19.30 del Sabato e della Domenica.

Programma

  • Pietro

    Salve a tutti,
    innanzi tutto volevo lodare l’iniziativa, in se etremamente interessante e stimolante. La mia è però anche una critica, costruttiva sicuramente, che vado a descrivere di seguito.
    Anche mia figlia Silvana che frequenta la III D, ha partecipato al concorso(al disegno), ha portato l’informativa a casa e si è messa subito a disegnare, non ha voluto nessun consiglio e nessun aiuto, mi ha detto:”Papà è un concorso, se mi aiuti che concorso è?”. Così ha terminato il disegno, lo ha colorato e preparato per portarlo a scuola. L’ho messa in guardia sul fatto che non sarebbe stato facile vincere poichè in classe ci sono almeno un paio di bambini/e che disegnano molto meglio di lei, infondo è carino semplicempente partecipare.
    L’indomani però mi ha detto che qualche bambino si è fatto aiutare da un genitore o da qualche amico di famiglia con sviluppate “capacità artistiche”. Mi racconta i disegni che erano stati portati dagli altri bimbi e devo dire che le idee erano veramente originali e piene di poesia. Purtroppo non ho avuto occasione di vedere gli altri disegni poichè nel giorno della premiazione avevamo preso da tempo un altro impegno. Comunque, nel momento della scelta il disegno di Silvana non viene chiaramente preso in cosiderazione e quindi non potrà essere presente tra i primi dieci. Nulla da dire, il disegno non è il suo forte per cui è giusto che non sia stato scelto. Le chiedo però quale disegno fosse stato scelto e lei mi elenca una serie di bambini tra cui erano presenti coloro che avevano detto di aver ricevuto un tantino di aiuto per “buttarlo giù”. Oggi 14 maggio ho saputo anche chi ha vinto il primo premio, ho avuto modo di vedere il disegno da un amico che lo ha fotograto durante la premiazione, davvero emozionante, un disegno così ricco di poesia, Michelangelo a 12 anni riusci a farsi assumere da una bottega artigiana e poi il resto è storia. Siamo in presenza di un nuovo grande artista? La critica è fatta, per quanto concerne alla costruttività della critica: “Non sarebbe stato meglio far svolgere il lavoro durante le ore scolastiche sotto la sorveglianza dell’insegnante?”. Qualcuno leggendo il mio commento potrà pensare che infondo è solo un disegno e che non c’è nessun motivo di alzare un “polverone”. Quello che critico è il messaggio, che a questa età viene recepito molto velocemente. Il prossimo concorso (mi auguro che ci sarà un nuovo concorso) facciamo partecipare solo i bambini…
    Riguardo al coro Teofilo De Angelis, la massima riconoscenza per quanto finora fatto e per tutte le iniziative di prestigio a cui partecipa.

  • Grazie Pietro per aver lanciato il sasso e per aver affrontato il problema.
    L’Associazione Musicale “Teofilo De Angelis”, che ha promosso questa iniziativa, intendeva veramente far esprimere la fantasia dei bambini attraverso le loro opere artistiche.
    La questione dell’aiutino, “evidente” solo in alcuni casi, poteva essere affrontato diversamente dalla commissione giudicatrice (prettamente scolastica). Però il fatto che siano passati alcuni disegni piuttosto che altri mi fa quasi pensare che sia stata favorita non tanto la bellezza del disegno, quanto la provocazione che esso contiene. E’ ben probabile che qualche genitore abbia voluto suggerire attraverso questo mezzo le evidenti attuali carenze o i pericoli che questa città sta correndo. Se così fosse avremmo raggiunto anche un altro scopo, cioè far capire agli altri in quale direzione si sta andando (penso sempre alle ciminiere presenti su molti disegni).
    In ogni caso mi risulta che i bambini abbiano fatto questo con molto entusiasmo e il solo pensiero che per alcuni ore, insieme ai loro genitori, abbiano pensato a qualcosa di costruttivo, piuttosto che alla WII o al DS mi riempie comunque di gioia.
    Hai ragione tu in quanto al merito ed è per questo che mi associo al tuo commento

  • DESIRE

    Mi associo a Pietro.
    E’ stato triste per i bambini non giocare ad armi pari.
    Bellissimo esempio di come funzioneranno i concorsi che prima o poi si troveranno ad affrontare.
    Esprimo Grande Tristezza