Privacy Policy
Pages Navigation Menu

L’imprenditore mascherato e lo strano caso della centrale Biogas fantasma

canada_stop_biogas

Da settimane ormai si rincorrono le voci riguardo la creazione di una centrale a biogas sul nostro territorio. Secondo alcune indiscrezioni riportate da “La tribuna dei castelli” un gruppo di privati starebbe valutando l’ipotesi di realizzare un impianto nei pressi della località “La Grazia” al confine tra Artena, Giulianello e Rocca Massima.

Se ancora rimane incerta le modalità di realizzazione, e la fondatezza stessa di questa informazione, è invece concreta la mobilitazione dei cittadini e delle associazioni del territorio.

In tal senso vi riportiamo il comunicato del nascente movimento:

RISCHIO DI UNA CENTRALE BIOGAS SU ARTENA E GIULIANELLO

Non ci sono ancora atti ufficiali ma ciò che apprendiamo dai giornali e dalle testimonianze ci preoccupa tanto da voler fare chiarezza sulla questione.

Secondo alcune testate giornalistiche sono in corso trattative tra privati per individuare l’area dove far nascere una centrale a Biogas.

Probabilmente l’area in questione è quella compresa tra le colline adiacenti alla Fassa Bortolo, nel comune di Artena, in prossimità del Monumento Naturale Lago di Giulianello ma, per il momento, non vi sono dati certi.

Non importa quale sia il terreno o la zona dove i privati intendano realizzare la centrale, noi dichiariamo la nostra ferma opposizione ad ogni ipotesi di centrale a biogas.

Le centrali biogas sono anacronistiche in quanto esistono tecnologie che permettono di trattare gli stessi rifiuti con un processo di compostaggio non invasivo.

A farne le spese sono gli agricoltori e gli allevatori del posto e tutti coloro che stanno puntando a realizzare prodotti locali di qualità.

Nell’attesa che le istituzioni preposte facciano chiarezza in merito, invitiamo la popolazione a mantenere vigile il controllo sulla situazione.

FIRMATARI DEL DOCUMENTO:

Associazioni e comitati

Movimento Autonomia Giulianello

Slow Food Cori-Giulianello

Arci – Artena

Unione giovani indipendenti – Artena e Colleferro

La Spinosa – Velletri

Rete dei beni comuni – Velletri

Comitato Carventum – Rocca Massima

Comitato Rifiuti Zero – Genazzano

Associazione R/esistenza – Velletri

Associazione Argonauti – Cori

Partiti e gruppi politici

Rifondazione Comunista Cori-Giulianello

Movimento Cinque Stelle Artena

Esponenti istituzionali

Stefano Pennacchi – consigliere comunale di Velletri

Paolo Trenta – consigliere comunale di Velletri

Armando Conti – consigliere comunale di Artena

Tommaso Conti – sindaco di Cori

Luca Zampi – assessore all’Ambiente del Comune di Cori

Chiara Cochi – assessore alle Politiche Sociali di Cori

Deputazione ASBUC di Giulianello


Questa sera, durante la consueta riunione della redazione di Artenaonline, abbiamo discusso questa questione e abbiamo deciso di aderire anche noi a questo documento.

Queste le ragioni che ci hanno convinti:

  1. Gli impianti a biogas erano stati pensati inizialmente come un sostegno al fabbisogno energetico delle aziende agricole e zootecniche che,abbattendo l’impatto degli scarti biologici derivanti dall’attività produttiva contestualmente riducevano  il proprio bisogno energetico, emancipandosi energeticamente e creando un piccolo indotto grazie all’energia reimmessa nella rete. Si consideri che un imprenditore difenderà sempre il suo investimento. Se un agricoltore realizza un impianto a biogas per soddisfare il fabbisogno energetico della propria azienda manterrà attivo l’impianto tutelando l’ambiente che lo circonda, perché dalla sua salvaguardia dipende la sopravvivenza della sua azienda. Se, facendo un caso limite, l’agricoltore si dovesse trovare a decidere se salvare una mucca malata a causa dell’inquinamento o spegnere l’impianto, di certo opterebbe per la seconda. Ma se un imprenditore investe nella realizzazione di un impianto che produce energia, che è il suo primo sostentamento e fonte di guadagno, tra la famosa mucca malata e lo spegnimento dell’impianto opterà sempre per la soppressione dello sfigato bovino.
  1. In un paese virtuoso la libera impresa incontra i suoi limiti nella salvaguardia degli interessi della collettività. Le amministrazioni tutelano i cittadini facendosi carico dell’ onere di controllo delle attività private . Nel nostro mondo le amministrazioni di tutti i livelli sono conniventi con chi gestisce gli interessi economici, agevolando l’elusione dei controlli e garantendo l’impunità di chi danneggia la collettività per il proprio tornaconto, se così non fosse non avremo assistito ai camion che, col favore delle tenebre ma soprattutto delle casuali distrazioni di chi avrebbe dovuto controllare, portavano a Colleferro tonnellate di copertoni ed altre sostanze che bruciavano negli inceneritori ed ora alimentano i tumori che flagellano la nostra popolazione come una pandemia che ingrassa le tasche di qualcuno e riempie le casse dei morti della nostra terra.
  1. In un paese virtuoso prima di ragionare su qualsiasi alternativa si implementa la raccolta differenziata portandola a livelli soddisfacenti, quanto meno che raggiungano la doppia cifra. Si conferisce tutto il materiale differenziato nei centri di riciclo e poi, ma solo poi, ci si interroga su come valorizzare l’umido che rimane al termine del ciclo per trasformarlo in valore aggiunto invece che farlo rimanere una voce di spesa in termini di smaltimento. Non si può realizzare una centrale che, non potendo attingere ad un circuito virtuoso, avrà continuamente bisogno di essere alimentata da materiale di provenienza dubbia ( si veda il punto 2)

Per queste ragioni abbiamo deciso di aderire e sottoscrivere il documento. Quando in una società lo Stato non è in grado di garantire la sicurezza della comunità, i cittadini si fanno carico della salvaguardia dell’interesse collettivo, in primis della salute.

Fin quando le istituzioni non si riapproprieranno del ruolo di garante, i cittadini saranno pronti ad ergere barricate in difesa della propria sicurezza, anche in casi, come questo, in cui la minaccia è solo potenziale.

  • h2oz

    Grazie ad Artena Online per l’impagabile lavoro di informazione.

    Alcune domane:

    + l’attuale amministrazione comunale è a conoscenza di questa (ancora ipotetica) iniziativa imprenditoriale? avete chiesto la loro opinione?

    + nel caso questa iniziativa non fosse ipotetica, ma concreta, cosa possiamo fare?

    A presto.

  • jozmile

    Ciao @h2oz:disqus, ti ringrazio a nome della redazione per i complimenti. Per quanto riguarda le domande, l’amministrazione comunale di Artena e in generale gli esponenti politici, sono a conoscenza di questa iniziativa, e hanno commentato sulla Tribuna dei Castelli riportando le proprie impressioni. Ad oggi non sappiamo ancora se l’iniziativa è rimasta ipotetica o se si sta concretizzando, terremo infomati i nostri su l’argomento.

  • Benny

    Sentiremo comunque il sindaco a breve per capire se ci sono sviluppi concreti sulla vicenda.
    D’altra parte la popolazione si è mobilitata attraverso il comunicato presente nell’articolo dando un segnale ben preciso a chi avrà la competenza e la forza di contrastare tale iniziativa qualora ce ne fosse bisogno.